Salta al contenuto principale

Sottoscritto dalla Città di Bolzano un protocollo di intesa con l’associazione Centaurus

Di 12 Giugno 2017Nessun commento

È stato firmato dal primo cittadino e dal presidente di Centaurus Andreas Unterkircher un protocollo d’intesa fra il Comune di Bolzano e la stessa associazione Centaurus, rappresentante ufficiale per gay, lesbiche, bisessuali, transgender, queer, ed intersessuali in Alto Adige.
Con l’accordo la Città di Bolzano riconosce l’associazione Centaurus partner nell’attività di sensibilizzazione dei cittadini contro ogni forma di discriminazione nei confronti di persone con diverso orientamento o identità sessuale. Centaurus, da parte sua, si impegna a fornire loro consulenza, sostegno o informazioni. Il protocollo avrà la durata del periodo amministrativo della Giunta comunale, vale a dire fino al 2020 e potrà essere prorogato. Rispetto al protocollo sottoscritto nel 2012, ci sono due novità: la realtà dell’intersessualità e l’impegno da parte del Comune nella piena attuazione della Legge Cirinnà.
Attraverso il protocollo sottoscritto quest’oggi Il Comune riconosce “Centaurus” di Bolzano quale “interlocutore rappresentativo per la promozione di una maggiore consapevolezza sui temi dei diritti civili e del superamento del pregiudizio legato all’orientamento sessuale e all’identità di genere sul territorio della città”. Si mira in sostanza a contribuire alla crescita di una cultura non giudicante e non discriminante e a promuovere azioni di contrasto alla discriminazione e all’ intolleranza verso persone con diversi orientamenti sessuali e identità di genere.Tra gli obiettivi contenuti nel protocollo d’intesa, la promozione di azioni culturali finalizzate a favorire il dialogo tra le differenze, con particolare riferimento alle giovani generazioni e la collaborazione con altre associazioni per lo sviluppo di azioni
comuni anche in occasione di eventi che si svolgono sul territorio della città, sempre d’intesa con gli organizzatori.

Il protocollo è scaricabile qui.

Fonte: Comunicato stampa della Città di Bolzano